C come Quanto spendere

Il matrimonio è divenuto ormai da tempo un grande, enorme business. Si pensi agli abiti, alla location, al ristorante, al make up, all’acconciatura, alle bomboniere ed a tutti i dettagli fondamentali per la buona riuscita dell’evento. Risparmiare è possibile, certo, ma un matrimonio a costo zero è ben lontano dalla realtà. Vediamo però quali cifre possono essere ridotte:

– Abiti: le riviste specializzate indicano come prezzo minimo per l’abito della sposa 2000 euro, cui aggiungerne almeno 500 per il velo. Ma a questo si può presto rispondere: sono sempre più numerosi infatti gli outlet e le attività che propongono i loro modelli a prezzi decisamente più competitivi (meno di 1000 euro). Un’altra opzione è quella di scegliere un abito online, dove spesso i costi scendono intorno ai 300 euro. Idem per il velo, se ne possono scegliere di molto belli rimanendo su cifre più che modeste (30-50 euro).

– Acconciatura, trucco, trattamenti estetici: anche per questa voce gli specialisti suggeriscono un budget minimo di 500 euro. Ma, di nuovo, sfatiamo qualche mito. L’acconciatura è sicuramente particolare, mediamente ricercata, ma raggiunge le tre cifre unicamente perchè le si appone il sostantivo sposa. Sarebbe sufficiente fissare un appuntamento tre/quattro ore prima della cerimonia e chiedere di essere pettinate. Magari non avrete l’attenzione dedicata di norma alle sposine, ma potrete spendere 30 euro. Stessa cosa vale per il make up: risparmierete non poco omettendo di essere la fortunata!

– Partecipazioni e bomboniere: Se siete particolarmente creativi o avete un po’ di tempo perchè non ci pensate voi? Le partecipazioni sono semplici da realizzare, potreste scegliere di esercitarvi nella calligrafia e scriverle una per una a mano o di stamparle su carta di riso a casa vostra. Per le bomboniere vale lo stesso: a parte i confetti, naturalmente da acquistare, potreste pensare ad oggetti facilmente costruibili come semplici scatolette di cartone, o se ve ne intendete piccoli soprammobili in argilla bianca…

– Ricevimento: avete mai pensato ad un buffet? Sicuramente non è la soluzione più indicata se la maggior parte dei vostri invitati sono over sessanta, ma se così non fosse potreste valutarla attentamente. Tagliereste i costi del catering dal momento che non sarebbe più contemplato il servizio al tavolo ed anche i cibi da gustare sarebbero decisamente meno elaborati trattandosi di finger food.

Per tutti gli altri aspetti (fiori, auto, servizi fotografici…) l’unico consiglio che posso dare è quello di sftuttare la vostra fantasia e la vostra creatività: sono la migliore risorsa!

Lascia un commento